Al Ballottaggio sarà Lettieri VS De Magistris


In un non troppo velato atto di protesta, il popolo Napoletano boccia il PD (Morcone, 19 %), ma non da neanche la vittoria definitiva al PDL (Lettieri, 38,5 %), che anzi mette in difficoltà attraverso l’uso del voto disgiunto, mostrando il notevole desiderio di avere, a sorpresa, l’IDV (Luigi De Magistris, 27,5 %) a guidare la martoriata città.

Le incognite sono ora il ruolo che giocheranno l’ormai sconfitto PD ed il Terzo Polo (Pasquino, 9,7 % ). Morcone e De Magistris avevano precedentemente affermato che, in caso di ballottaggio, si sarebbero appoggiati a vicenda per sconfiggere il “nemico comune”, ovvero il centrodestra di Berlusconi. Bisogna ora vedere se questa promessa, per prima, verrà mantenuta, in quanto decisiva per far rimanere Napoli a sinistra.

Continua a leggere

Annunci

Ravello Hi-Tech

Villa RufoloA Ravello, l’alta tecnologia varca la soglia di una delle ville più magiche e meravigliose del mondo. Villa Rufolo, insieme a Villa Cimbrone, è una vera e propria perla della Costiera Amalfitana, e la stessa Ravello è di una bellezza indescrivibile. Alla presenza del Ministro Brunetta, l’inaugurazione di un nuovo sistema di telecontrollo ed assistenza. L’iniziativa è stata voluta anche a scopo turistico-culturale, in quanto i possessori di I-Phone o altri tipi di smartphone potranno collegarsi alla nuova rete diffusa nella villa per ottenere ulteriori informazioni, guide ed itinerari.

[…] Ma non e’ tutto, perche’ con un semplice smartphone, oltre a seguire la mappa del monumento, si potranno visionare le gallerie fotografiche o accedere ai contenuti multimediali tra cui spiccano i concerti del Ravello Festival.

Secessione e Principati

Salerno

Ah, la secessione. Ultimamente va così di moda, piace così tanto. E piace ancora di più se la secessione avviene perché qualcuno vuole staccarsi dalla realtà di una Napoli che danneggia l’immagine dell’universo. Salernitani accusatori di “Napolicentrismo” (?!) già da tempo accarezzano quest’idea, per mascherare ovviamente il razzismo sempre più diffuso e fastidioso nei confronti del capoluogo partenopeo. Ma il punto non è proprio questo…

Questi “accusatori” non sono diversi da Leghisti e dai Neoborbonici, con la differenza che questi “secessionisti” odiano il loro diretto vicino di casa. E’ noto il campanilismo/rivalità che c’è, storicamente, tra Napoli e Salerno. Quest’ultima, altra città del Sud dai grandi primati, sta vivendo un momento di rinascita, dal punto di vista turistico ed urbanistico, grazie soprattutto al suo sindaco, Vincenzo De Luca, che tanto promuove questo tipo di sviluppo fine a dare a Salerno un ruolo, che merita, molto più importante nella Campania e nell’Italia tutta (nota personale: io votai per lui…).

Continua a leggere