Giorgio Bocca ed il Sud-belva


L’ultima sparata dello pseudo-intellettuale più sopravvalutato del mondo, Giorgio Bocca, lascia ben intendere la sua mentalità becera, provinciale, troglodita e palesemente opportunista. Questo sciacallo parassita vomita ancora una volta il suo odio (non più tanto mascherato da “analisi”) nei confronti del Sud: Napoli è un cimiciaio e Palermo puzza di marcio; lo “scrittore” non si ferma qui, come farebbe ogni mammifero con un briciolo di dignità e morale: considera belve gli abitanti del Meridione e paragona se stesso quasi ad un “cacciatore” di notizie “grosse” che solo noi bestie “terrone” possiamo partorire, causa la nostra società degradata: grazie a noi mostri del Sud egli troverà sempre qualcosa su cui scrivere. Ma Bocca subito afferma che non c’è alcuna forma di “gratitudine” nelle sue parole: lui che ha scritto, ai limiti del vero, sulla nostra pelle, non può provare nulla per noi meridionali; i cacciatori non fraternizzano con le belve (a suo dire).

Traspare nuovamente il suo proverbiale opportunismo, storicamente adottato per avere un minimo di attenzione mediatica, in questi anni dominati dalla TV, pur di farsi passare per intellettualoide, cercando di nascondere, con scarso successo, la sua natura palesemente xenofoba e razzista; adesso si scaglia contro Berlusconi, guarda caso proprio ora che il Premier sta avendo una crisi della sua immagine un tempo più o meno inattaccabile, lungi dall’essere quella figura forte ed invincibile per il quale sbavava (infatti il nostro “scrittore” è passato prontamente dalla parte dei più “forti” Leghisti: i trogloditi stanno bene con i loro simili, evidentemente…). Ed insieme a lui attacca tutti i suoi servi. Ricordiamoci che quando la nave affonda, i topi sono sempre i primi a fuggire dall’acqua che sale…
Sempre in quest’ultima intervista traspare, come se non bastasse, un’inedita omofobia (o mi sono perso qualcosa?).

Insomma, Giorgio Bocca supera se stesso e si rivela un completo disastro umano, la negazione di ogni cosa positiva che esista sulla faccia della Terra.

Non permetto ai trogloditi novantenni di definire il Sud un cancro. Mi sa che stavolta parte la querela

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...