Spaccature nel Movimento


E’ ormai noto che, una delle più grandi sorprese dei queste elezioni, è stato il relativo exploit del Movimento 5 Stelle. A Bologna ha raccolto il 9,4 % dei voti, dimostrando come l’iniziativa capeggiata da Grillo stia facendo sempre più rumore in un panorama politico sempre più corrotto e degenerato, e la stessa città di Bologna si riconferma una dei luoghi più culturalmente dinamici del centro-nord e dell’Italia tutta.

E’ anche noto, però, l’atteggiamento nichilista degli stessi Grillini, intenti a spazzare via tutta questa vecchia gente che fa solo male al nostro paese. Il comico Genovese, commentando da Parigi l’esito di queste elezioni, ha ribadito “nè con destra, nè con sinistra” e che non appoggeranno nessun candidato ad eventuali ballottaggi. Balzano subito alla mente il futuro di Milano e Napoli, che proprio al ballottaggio si sono avviati.

 Questa situazione particolare avrebbe però causato le prime crepe nell’idea integralista del “fanno tutti cagare tranne noi” da sempre mandata avanti dal Movimento. Secondo l’Espresso, su una pagina di Facebook molto vicina agli adepti di Grillo, sarebbe comparso un messaggio (firmato da un amministratore) che incoraggerebbe a votare per Pisapia e De Magistris.

«Personalmente voterei al ballottaggio sia per Pisapia che per De Magistris. Immagino che questa dichiarazione non piacerà a molti del Movimento che detestano ogni tipo di alleanza, ma qui non si tratta di alleanze politiche trasformiste, ma solo di buon senso»

Inutile precisare il polverone alzatosi per questa affermazione, appoggiata e criticata allo stesso tempo, tanto da esser stata cancellata in poco tempo dalla pagina del social network. E’ interessante il richiamo al “buon senso” fatto dal malcapitato. Alcuni giovani esponenti del Movimento definiscono Berlusconi un “cancro”, mentre l’opposizione la “metastasi” che lo tiene in vita; e mentre Grillo invita a votare il “male minore”, i suoi discepoli prendono alla lettera il suo invito, diventando simpatizzanti di un sempre più acclamato Pisapia ed di un sorprendente De Magistris, i rispettivi “male minore” di Milano e Napoli.

Il Movimento fa bene ad essere nichilista ed a disprezzare ogni alleanza, ma arriva anche il momento di appellarsi al “buon senso”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...